[Home][Civica Filarmonica di Bellinzona - un nome che suona]

Note storiche

Parte terza



[Documento storico]

La Civica alla sesta Festa delle Camelie - Locarno, 6 maggio 1928


Coronata così la sua carriera di Presidente, il Maggiore Edoardo Jauch cedette il seggio presidenziale al Farmacista Ampellio Rezzonico che resse le sorti della Civica per un solo anno; nel 1911, infatti, l'ing. Gaetano Brenni venne nominato presidente e tale rimase fino a quando diede le dimissioni, nel 1951. Di Gaetano Brenni si potrebbe parlare per delle ore, solamente raccontando la cronaca della Civica nei quarant'anni della sua presidenza, perchè è soprattutto grazie a Lui che la Civica di Bellinzona ha potuto diventare quella che è ancora oggi: una fra le migliori bande del Cantone. Ma se nei quarant'anni di presidenza di Gaetano Brenni la Civica ha potuto raggiungere un elevato livello artistico fu soprattutto grazie alle magistrali doti di musicista del compianto mo. Luigi Tosi che ancor oggi molti ricordano. La memoria di questo maestro rimane viva soprattutto fra i meno giovani che ebbero il privilegio di essere suoi allievi e suoi musicanti. Egli diresse la Civica fino all'anno che precedette quello della sua morte avvenuta il 6 gennaio 1957.
A Gaetano Brenni succedette il signor Dir. Carlo Born appassionato cultore di musica e che fu sempre vicino alla Civica. Dopo di lui assunse la presidenza Giacomo Zanini fino al 1967, proseguì, fino al 1971 il sempre compianto e dinamicissimo Guido Sterlini, fino a quel momento cassiere (che fu pure presidente della FeBaTi fino alla immatura morte avvenuta nel 1974).
Venne poi nominato presidente l'avvocato Pietro Pellegrini, tuttora in carica.
Nel 1957 la direzione musicale della Civica venne assunta dal maestro Amilcare Sali fino al 1970, dal maestro Helmut Hunger fino al 1979 e in seguito dal maestro Julio Pezzutto che dirige ancora oggi la banda.
Negli ultimi 80 anni la Civica Filarmonica di Bellinzona ebbe la fortuna di avere, oltre ai dinamici presidenti ed ai valenti maestri cui abbiamo accennato, anche degli zelanti e capaci segretari: Edoardo Jauch, Siro Bernasconi, Giuseppe Chicherio, Job Ernani, Emilio Marietta (dal 1893 al 1912), Franco Bruni, Giacomo Bontempi, Guido Borsa (dal 1915 al 1921), Arturo Speziali, Tito Resmi (dal 1923 al 1946), Aurelio Colombo, Quirino Tatti, Alberto Imperatori, Franco Ferrari, Luciano Terzi e attualmente e da alcuni anni la signora Liliana Cesarini.

E' ovvio che non mi è possibile parlare di tutti e soprattutto che non possiamo menzionare la vasta schiera di musicanti che diedero decoro alla nostra musica nei 200 anni di esistenza: commetteremmo un errore volendo tentare di stabilirne l'elenco, perchè certamente finiremmo per dimenticarne una parte, mentre tutti dovrebbero essere menzionati, dai bravissimi ai meno dotati, perchè in tutti loro v'è sempre stata la fiamma d'un ideale che non si spegne e che non può spegnersi: l'amore per la musica. In un'altra parte di questo opuscolo riprodurremo l'elenco dei musicanti, attivi nel 1985 presso la Civica Filarmonica di Bellinzona, nonchè dei membri del Comitato.

Al termine di questa mia esposizione, limitata essenzialmente alle vicende salienti della nostra associazione, è mio dovere di rivolgere un pensiero grato all'Autorità comunale e a tutti quei soci benemeriti che, con generoso contributo, permettono alla Civica Filarmonica di Bellinzona di poter continuare decorosamente la sua esistenza, dimostrando comprensione verso una società che tale comprensione merita in quanto disinteressatamente assolve un compito ben preciso nel complesso organismo sociale.
E la comprensione che soprattutto l'onorando Municipio ci dimostra oggi l'ha saputa dimostrare in passato, sempre; e fu ricco d'aiuti morali e materiali.
Mi auguro che anche negli anni futuri possano continuare quei buoni rapporti fra la nostra musica e l'autorità preposta alle sorti della nostra Città, affinchè si mantenga integra e vitale un'istituzione che attinge alle più pure e genuine tradizioni del nostro paese:
E questo credo di averlo dimostrato attraverso la mia breve indagine.


Quirino Tatti (1985)



Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2002 - Archivio