[Home][Civica Filarmonica di Bellinzona - un nome che suona]

ARCHIVIO DELLA CIVICA DI BELLINZONA

Stagione primaverile 1999

Presentazione dei brani

[Bach] Johann Sebastian Bach, trascrizione per banda di Alfred Reed
Sleepers, Awake! (Wachet auf, ruft uns die Stimme)

Il compositore tedesco Johann Sebastian Bach (Eisenach 1685 - Lipsia 1750) scrisse circa 250 cantate sacre per condecorare le funzioni religiose dei vari cicli dell'anno liturgico.
La cantata 140, intitolata "Wachet auf, ruft uns die Stimme" fu composta da Bach nel 1731 a Lipsia. In questa città Bach fu attivo dal 1723 fino alla morte quale Cantor e per diversi anni pure quale direttore del Collegium Musicum, l'associazione concertistica della città.
La cantata numero 140 ha per tema la parabola evangelica delle dieci vergini che attendono di notte l'arrivo dello sposo. Cinque vergini sagge avevano preparato una scorta di olio, mentre le altre vergini stolte, all'arrivo dello sposo, restarono senza olio per le proprie lampade. Il messaggio della parabola è chiaro: "Vegliate dunque, perchè non sapete nè il giorno nè l'ora" (Mt 25:13).
Il corale "Wachet auf, ruft uns die Stimme", composto da Philipp Nicolai nel 1599 è stato elaborato da Bach in questa cantata, in forma di trio, dove il tema originale viene esposto al tenore. Negli ultimi anni della sua vita Bach rielaborò per organo questo stesso brano (BWV 645), inserendolo in apertura della raccolta di sei corali detta "Schuebler".
La Civica Filarmonica ve lo propone come primo brano del suo concerto pasquale. La trascrizione per banda è di Alfred Reed.

[Reed] Alfred Reed
A Little Concert Suite (1983)

Alfred Reed è nato a Manhattan (New York) nel 1921. Ha iniziato a seguire corsi musicali a 10 anni, ha quindi intrapreso lo studio della tromba dedicandosi ben presto all'attività professionale. Ha studiato teoria e armonia con John Sacco e si è poi specializzato con Paul Yartin.
Alfred Reed è attualmente uno dei compositori americani più prolifici ed eseguiti. Ha pubblicato oltre 250 brani per banda, orchestra sinfonica, coro e per diversi ensemble cameristici.
A Little Concert Suite si articola in quattro movimenti contrastanti per metro e carattere: Intrada, Siciliana, Scherzo e Giga. Questo brano, già eseguito dalla Civica Filarmonica di Bellinzona nel 1997, è stato ripreso in quanto verrà presentato quale brano a scelta al concorso della Festa Cantonale di Musica di Giubiasco. La manifestazione si terrà il finesettimana di Pentecoste presso il Mercato Coperto di Giubiasco e vedrà la partecipazione di oltre quaranta bande.

[Verdi] Giuseppe Verdi, trascrizione per banda di Carlo Pirola
Valzer in fa maggiore

Giuseppe Verdi (Busseto 1813 - Milano 1901) è uno dei compositori operistici italiani più amati dell'Ottocento. Il Valzer in fa maggiore che la Civica di Bellinzona vi presenterà è celebre tra l'altro per essere stato utilizzato nel film di Luchino Visconti "Il Gattopardo" (1963). La trascrizione per banda è stata curata da Carlo Pirola.

[Brahms] Johannes Brahms, trascrizione di W. Meijns
Danze ungheresi n. 5 e 6

Il compositore tedesco Johannes Brahms (Amburgo 1833 - Vienna 1897) è considerato il maggiore rappresentante del tardo romanticismo tedesco.
Di umili origini, imparò la musica dal padre. Lo studio del pianoforte lo portò ben presto ad arrangiare marce di fanfare e a comporre valzer, che eseguiva nei locali di Amburgo per arrotondare i guadagni del padre. Si perfezionò poi negli studi musicali con il violinista Joseph Joachim. Robert Schumann gli aprì la strada del successo facendolo conoscere al mondo musicale tedesco. Brahms compose notevoli lavori sinfonici, cameristici e vocali, ma non disdegnò il genere più leggero delle danze e dei valzer. Era tra l'altro grande amico di Johann Strauss figlio, celebre compositore di valzer viennesi.
Tra il 1858 e il 1869 Brahms scrisse 21 Danze ungheresi per pianoforte a 4 mani (op. 35). Queste furono poi in parte orchestrate da Brahms stesso o da altri musicisti, riscuotendo grande successo presso il pubblico per il loro carattere immediato e brillante.
La Civica Filarmonica di Bellinzona vi presenta la quinta e la sesta danza ungherese nella trascrizione per banda di W. Meijns.

[Strauss] Johann Strauss, trascrizione di Alfred Reed
Marcia Radetzky

Johann Strauss padre, vissuto a Vienna tra il 1804 e il1849, fu un celebre direttore d'orchestra e compositore. Iniziò fin da giovane a suonare in piccoli gruppi strumentali. Nel 1825 diventò direttore di un suo complesso che riscosse grande successo in ambito viennese, grazie anche alla sua abilità di compositore di danze, che gli valsero il titolo di "padre del valzer". Un titolo quanto mai appropriato, se si pensa che pure suo figlio continuò l'attività di direttore e di compositore di danze viennesi conosciute ancora oggi.
Nel 1815 L'Austria reprime i moti nazionalisti in Ungheria, come in Polonia, come in Italia. Quando i moti riesplodono nel 1848, alla testa dell'esercito austriaco il nuovo imperatore Francesco Giuseppe pone il generale Radetzky. L'avversario, Carlo Alberto di Piemonte, è sconfitto. Al generale vittorioso Vienna prepara una grande festa. Johann Strauss padre compone appositamente la celebre Marcia Radetzky.
Questo brano è diventato ormai un classico del concerto di capodanno da Vienna. La Civica Filarmonica di Bellinzona ve lo propone in chiusura del suo concerto pasquale.

[Glenn Miller] Glenn Miller, arr. Willy Hautvast
Moonlight Serenade

La musica di Glenn Miller non necessita certo di presentazioni: essa ha accompagnato diverse generazioni e resta tuttora nei classici sempreverdi della musica leggera. La Civica Filarmonica di Bellinzona vi presenta uno dei tanti successi proposti dall'orchestra di Glenn Miller: "Moonlight Serenade".

[pict] Queen, arr. Jay Bocook
Queen in Concert

Questo brano riassume alcuni dei maggiori temi del gruppo dei Queen, che durante gli anni Ottanta divenne uno dei gruppi rock più famosi e di successo di tutti i tempi. Questo grazie alla capacità chitarristica di Brian May e alla vocalità ambigua di Freddie Mercury. Buon ascolto quindi con "We Will Rock You", "Bohemian Rhapsody", "Another One Bites The Dust" e "We Are the Champions".

[Bechet] Sidney Bechet
Petite fleur

Sidney Bechet nasce a New Orleans nel 1897. E' stato tra i maggiori solisti del primo jazz suonando il clarinetto e il sax soprano. Nel 1949 si stabilisce in Francia, dove ottiene grande successo con il brano Petite Fleur. Muore in Francia nel 1959.
La Civica di Bellinzona, diretta dal maestro Franco Arrigoni, accompagna il solista Flavio Casanova al sax soprano che interpreta il celebre tema "Petite fleur".

[pict] Dizzy Stratford
Spiritual Moments

Questo brano ripropone in un arrangiamento attuale alcune melodie del repertorio spiritual. Si tratta di canti religiosi creati dai neri americani durante il periodo della schiavitù. Con questi canti i neri avevano modo di affermare quella fede religiosa che permetteva loro di meglio sopportare la loro difficile condizione. I testi degli spiritual si ispirano a fatti narrati nella Bibbia, in genere attualizzati alla situazione di chi li interpretava. Ad esempio il tema della liberazione degli Ebrei dall'Egitto, espresso nel celebre canto "Go Down, Moses", rappresentava la speranza nella liberazione dei neri dalla schiavitù. Gli altri spiritual contenuti in questo brano sono: Sinner You Know, Cotton Needs A-Picking, Deep River, Kum-ba-yah.

arrangiamento di Jules Hendriks
Country-Call

Il genere country (noto anche come Country and Western o Hillibilly) comprende la musica popolare bianca degli Stati Uniti, specialmente quella degli Stati del Sud e dell'Ovest, cioè quelli più legati a tradizioni rurali. Il centro propagatore di questa musica è stato la città di Nashville, nel Tennessee: di lì hanno preso le mosse i migliori rappresentanti del country, come la cantante Dolly Parton e, soprattutto, Hank Williams. E' caratterizzato da un andamento scorrevole, in stile di ballata, e da melodie orecchiabili. Il brano Country-Call è stato arrangiato da Jules Hendriks e cerca di ricreare le atmosfere del West, con le sue praterie, le danze popolari, i fischi dei treni sferraglianti.

Pasqual Marquina, arrangiamento di Walter Heyer
Espana Cani - Danza gitana

Questo celebre paso-doble ci porta in un'atmosfera tutta latina. Un caratteristico ritmo conduce in un continuo crescendo all'esposizione del primo tema. Dopo lo squillo delle trombe gli strumenti tenori presentano un nuovo tema più cantabile, che verrà poi ripreso in un travolgente finale dai soprani.

[Abba] Abba, arr. Ron Sebregts
Abba Gold

Il gruppo svedese degli Abba si è presentato negli anni settanta sulla scena pop europea raggiungendo in breve tempo i vertici delle classifiche. La loro musica ritmata e melodica ha saputo conquistare il cuore dei giovani di allora. Circa cinque anni fa il gruppo ha pubblicato un album con i maggiori successi, intitolato "Abba Gold", riproponendosi all'attenzione del pubblico. L'arrangiatore Ron Sebregts ha ripreso lo stesso titolo del disco per questa selezione di canzoni, in cui potrete riconoscere "Dancing Queen" (1976), un brano che ci fa rivivere le atmosfere "disco" degli anni settanta, dai ritmi agili e sincopati, con dialoghi vivaci e contrapposti tra ottoni e legni; "Mamma Mia" (1975) è una canzone sbarazzina e ritmata, mentre "Fernando" (1976) ci suggerisce atmosfere di vaga ispirazione latina. La selezione si conclude con la celebre canzone "The winner takes it all" (1980).

[pict]
Tema dal film "Il postino"

Questo tema è tratto dalla colonna sonora del film "Il postino" (1995), interpretato tra gli altri da Massimo Troisi e Philippe Noiret.

[Ernesto] Ernesto Felice
Ticino in festa

La prima festa cantonale di musica si è tenuta a Giubiasco nel 1999. Il brano ufficiale della manifestazione, "Ticino in festa", è stato scritto dal musicista ticinese Ernesto Felice, già direttore della Civica Filarmonica di Giubiasco.


Torna su


Aggiornamento: 19 settembre 1999
Ricerche e commenti di M.B.